ASSISTENZA TECNICA

Numero diretto
+39 049 8788321

support@concrete.it

INFO

Telefono di riferimento
+39 049 8754720

Filmati introduttivi su Sismicad

Registrazione

AREA UTENTI

Complesso parrocchiale Santa Maria della Speranza a Niscemi

Portfolio Club Concrete
By Gianni Bizzotto 4 settimane fa
Home  /  Portfolio Item  /  Complesso parrocchiale Santa Maria della Speranza a Niscemi

Il nuovo complesso parrocchiale dedicato a Santa Maria della Speranza, in Niscemi (CL), è stato progettato per conto della parrocchia, facente parte della Diocesi di Piazza Armerina, che l’ha realizzata con il contributo della CEI (Conferenza Episcopale Italiana), utilizzando i fondi del cosiddetto 8 per mille.

Dal punto di vista strutturale il nuovo complesso parrocchiale è composto da tre corpi di fabbrica distinti, e precisamente:

  • aula liturgica, con annesso campanile
  • ufficio parrocchiale, sacrestia e cappella feriale (un solo piano fuori terra)
  • aule catechistiche, salone parrocchiale e case canoniche (due piani fuori terra)

Per la precisione gli ultimi due corpi, pur essendo distinti in elevazione (con idoneo giunto), hanno fondazioni comuni e pertanto, dal punto di vista dei calcoli, sono stati trattati unitariamente.

L’aula liturgica vera e propria (di forma quadrata) con annesso campanile, ha struttura pressoché interamente in c.a.; le fondazioni sono del tipo diretto; sono anche presenti alcuni elementi in carpenteria metallica: controvento in acciaio corten su di una lato campanile (di forma triangolare), ed in copertura ai quattro angoli; la parte centrale della copertura è costituita da travi parete in c.a. e soletta piena (sulla parte superiore), a formare, in pianta, una croce; l’altezza esterna del corpo aula è pari a circa 15,50 m. (internamente circa 11,00 m.), mentre il campanile, con la parete frontale inclinata rispetto alla verticale, attinge l’altezza massima pari a circa 22,50 m.

Il calcestruzzo del campanile, e relativo spiccato, è colorato in pasta, con appositi ossidi, al fine di simulare un cosiddetto “effetto corten”, richiamando, in tal modo, sia il citato controvento che i portoni dell’aula.

Gli altri corpi hanno struttura intelaiata, anch’essi con fondazioni dirette; i solai sono del tipo prefabbricato a travetti in c.a.o e/o del tipo a pannelli multiforo in c.a.p., per la copertura del salone parrocchiale (a doppia altezza).

Fanno parte del complesso anche alcuni corpi accessori indipendenti (muro di cinta dell’ortus conclusus, scala e rampa di accesso al sagrato) interamente in c.a.; il primo con cls colorato in pasta.

I calcoli sono stati redatti con Simicad 12.8, nella sua versione più estesa.

 

Di seguito le figure che hanno seguito e/o preso parte a progetto e realizzazione:

 

  • Committenza:
    • don Filippo Puzzo (parroco)
    • don Giovanni Tandurella (delegato dicocesano per l’Edilizia di Culto)
  • Gruppo di progettazione:
    • architetto Vincenzo Castellana (capogruppo);
    • architetti Rosanna Zafarana, Franco Sagone e Tonino Virginia
    • don Antonino Rivoli (liturgista)
    • maestro Turi Acquino (artista opere d’arte luoghi liturgici)
    • ingegneri Maurizio Marino (strutture), Rosario Catalano (impianti tecnologici) e Giuseppe Lattaferro (coordinatore sicurezza)
    • geologo Carmelo Iudica
    • Stefano Sammartino (responsabile del procedimento)
  • Gruppo di realizzazione:
    • architetto V. Castellana ed ingegnere M. Marino (direttori dei lavori)
    • ingegnere G. Lattaferro (coordinatore sicurezza)
    • ingegnere Luigi Marino (collaudatore statico in corso d’opera)
    • ingegnere S. Sammartino (responsabile del procedimento)
    • maestro T. Acquino (opere d’arte luoghi liturgici)
  • Impresa esecutrice:
    • ATI Lavori in Genere socl (mandataria) e GFFimpianti srl (mandante).

 

 

Progetto  strutturale: Ing. Maurizio Marino, Gela. – ing.mauriziomarino@gmail.com .

this work was shared 0 times
 5200